Agrigento Sambuca di Sicilia

Sambuca di Sicilia

Agrigento - Guida di Agrigento

Arte - Cultura - Storia - Mare - Turismo - Vacanza

Agrigento Sambuca di Sicilia

Agrigento   Agrigento
 
Comune di Sambuca di Sicilia

...terra di mare...terra d'amare...


Sambuca di Sicilia

Comune di Sambuca di Sicilia


STORIA

Per riuscire a leggere la geografia storico-culturale dell'odierna Sambuca di Sicilia (Ieri Zabut), occorre distinguere alcuni momenti storici tenendo altresì presente quello preistorico.

PREISTORIA
Il periodo preistorico, meglio sarebbe dire, protostorico, nel territorio sambucese, è caratterizzato dalla presenza degli Elimi che fondarono Elima ed Entella, e dei Sicani che spinsero i primi verso la parte Nord-Ovest dell'isola. Basamenta di capanne preistoriche di quest'epoca si trovano nelle adiacenze della zona archeologica di Adranone. Si tratta di resti costituiti da massi di pietra calcarea e di utensili primitivi. Si presume risalgano al periodo anteriore al VII secolo a.C., al tempo cioè in cui ha inizio la penetrazione greca in Sicilia.

GRECI E PUNICI
Con la penetrazione fenicia il territorio sambucese si affaccia alla storia. Nella zona archeologica di Adranone le alterne vicende tra coloni greci e commercianti e colonizzatori cartaginesi si rivelarono intersecate attraverso i ricchi e numerosi reperti sino ad oggi portati alla luce. Adranone scompare dalla storia con la sua distruzione avvenuta con l'ultima guerra servile nel 103/105 a.C. ad opera degli eserciti romani.

GLI ADRAGNINI IN ADRAGNA
Distrutta Adranone gli abitanti supestiti fondano una nuova città più a valle cui danno nome di Adragnus (oggi Adragna) per ricordare la loro città di origine. Adragnus originariamente fu un borgo rurale pressoché ignorato dai Romani. Nel periodo paleocristiano fu evangelizzato e divenne una comunità cristiana. Vi sorsero successivamente sul finire del primo millennio, delle imponenti chiese. Si ha notizia certa di tre luoghi di culto dedicati a San Vito martire, a San Nicolò di Bari e alla Madonna Bambina.
Un ruolo importante lo ebbe la presenza di San Vito di Lilibeo. Il santo della Sicilia occidentale che convertiva sia uomini che animali. Non è blasfemo ricordare che San Vito, oltre che predicare il nuovo Verbo, aveva il dono di trascinarsi appresso i fedeli amici dell'uomo: i cani.
Il culto verso questa divinità era tanto caro agli schiavi. "Il sacrario dei suoi templi era affollato di cani" (J. Berard: "Storia delle Colonie greche dell'Italia meridionale"), ci cui Adrano era protettore. Di tali espressioni di culto, i cittadini di Adrano saranno stati memori quando si convertirono al Cristianesimo. Con molta probabilità, molto verosimilmente, preferirono sostituire Adrano con un martire cristiano conterraneo, san Vito di Mazara. Ancora tutt'oggi il culto di san Vito ha profonde radici nella Chiesa Lilibea. La tradizione vuole che, Vito di Mazara, giovinetto cristiano, era tanto bello e possedeva, per la sua santità, un tale fascino che si trascinava appresso tutti i cani che stavano a guardia dei templi pagani e lo servivano difendendolo dai nemici che cristiani non erano.

Data la prossimità di Mazara al territorio di Adranone, molto presumibilmente, San Vito, in una delle sue numerose peregrinazioni, si è spinto sino ad Adranone, considerato che là esisteva un culto particolare verso il dio pagano dei cani, ed ha operato il prodigio di trascinarsi dietro quella turba di devoti animali, contribuendo alla conversione dei cittadini di Adranone al Cristianesimo emergente.
Nel periodo saraceno questa comunità restò chiusa e limitata ai rapporti con gli arabi che, costruita Zabut più a Sud nel cuore della vallata, pretesero dai cristiani di Adragnus il pagamento della "Gesia", un tributo che veniva fatto pagare ai cristiani per potere professare senza noie la propria fede con atti liturgici e culto pubblico.

ZABUT - 830 d.C.
Zabut, l'odierna Sambuca, fu fondata dagli Arabi intorno all'830, qualche anno dopo il loro sbarco in Sicilia. Circa l'etmologia del nome "Zabut" esistono varie interpretazioni. Leonardo Sciascia scompone l'attuale nome Sambuca in as-Sabuqah e lo interpreta "luogo remoto".
Il salotto sambucese della metà dell'800 fu indeciso tra due interpretazioni: Sambuca, da Zabut, strumento musicale a corde di forma triangolare e macchina da guerra da "sambukie". Infine, Vincenzo Navarro l'animatore del "salotto", decretò che "Sambuca", "Zabut", non è altro che un'"arpetta". Il Navarro, però, commise l'errore di mettere insieme due sinonimi per ridare un nome ad una cittadina fino allora chiamata "La Sambuca" e da allora sino al 1928 Sambuca Zabut; nel '28 infatti Mussolini cancellò Zabut e la specificò regionalmente aggiungendo "...di Sicilia". L'interpretazione più storicamente ed etmologicamente perfetta ci sembra sia quella che ricaviamo dal documento di Guglielmo II, detto "Il Buono", datato 1185 con il quale si donava alla Chiesa di Monreale la "Chabuta seu Zabut".
Appare chiaro che "Chabuta" - spendida - in questo documento vuole essere una specie di esplicitazione di Zabut o Zabùt, un'esplicitazione di Chabuta. Il che è avvalorato dalla congiunzione disgiuntiva latina "seu", ovvero. Ma perchè Zabut? La tradizione popolare e la leggenda indicano quale fondatore di Sambuca l'Emiro Al-Zabut, un seguace dell'ascetico conquistatore maghrebino Ibn Mankud l'"Ardente guerriero della fede", signore indipendente delle Kabyle di Trapani, Marsala e Sciacca che guidò le truppe d'assalto dell'Afrfriyqal alla conquista di Castrogiovanni, Val di Noto e, dopo lungo assedio, alla presa di Siracusa, allora capitale bizantina dell'isola.
Secondo questi dati l'Emiro AL-Zabut partecipò come giovane guerriero alla conquista della testa di ponte di Mazara ed ebbe ruolo di rilievo nei combattimenti di Girgenti e Castrogiovanni, guadagnandosi per il suo valore l'appellativo "Al-Chabut" - lo splendido - che trasmise alle terre da lui conquistate.
Zabut fu abitata da popolazione islamica fino al tredicesimo secolo fino a quando si ribellò alle operazioni di consolidamento imperiale ordinate da Federico II che costruì il Castello di Giuliana da usarsi come quartiere generale per la soluzione della "questione saracena" in Sicilia, voluta dal Papa. Zabut resistette per due anni. La resistenza fu stroncata nel 1225 e la strage fu totale.
Sambuca conserva ancora le tracce di questa sua matrice islamica nel "quartiere arabo", costruito da un impianto urbano che si sviluppò attorno a sette "Vicoli saraceni", trasformati in un museo vivente di storia arabo-sicula e nella fortezza di Mazzallakkar sulle sponde del lago Arancio che viene sommersa ogni qualvolta s'innalza il livello del Lago. La cultura, le tradizioni popolari, i modi di esprimersi degli abitanti di sambuca testimoniano di questa origine storica. La cittadina-fortezza di Zabut, dopo l'eccidio e la deportazione dei superstiti saraceni, fu lentamente ricostruita. Gli arabi convertitisi al Cristianesimo per paura o per convinzione e i cristiani di Adragnus convissero insieme pacificamente.

GLI ADRAGNINI A ZABUT - 1411
Distrutta nell'autunno del 1411, sul finire dellla lunga guerra di successione al Regno di Sicilia, la cui protagonista fu una donna, Bianca di Navarra, gli Adragnini si trasferirono nella fortezza di Zabut, risparmiata alla distruzione per l'eroica resistenza opposta all'assedio dei seguaci del Barone di Modica e per l'imponenza delle sue fortificazioni.
Avviene così che il primitivo impianto urbano della parte settentrionale di Zabut, costituito da un'acropoli e da un quartiere di viuzze, incomincia ad ampliarsi verso le propaggini della collina.
Dal XV al XIX secolo, La Sambuca conosce alterne vicende: prosperità e pestilenze, benessere e miseria, splendore e terremoti. Nonostante tutto La Sambuca progredisce. Sorgono nuovi quartieri, si allarga la cinta delle mura, vengono costruiti palazzi baronali e signorili, chiese, monasteri, conventi. Da baronia la Terra della Sambuca viene promossa con privilegio di Filippo II - Madrid 15 novembre 1570 - a Marchesato. Il quale, il 16 settembre 1666, passa, a causa di un matrimonio, ai Beccadelli di Bologna assurti successivamente al rango di Principi con il Principato di Camporale. Il titolo viene a tutt'oggi detenuto dagli eredi. Tra i Principi Marchesi della Sambuca, i più celebri furono Don Pietro - 1695/1781 - e il figlio Don Giuseppe - 1726/1813.
L'800 si presenta nella Sambuca ricco di fermenti culturali. Si forma in quegli anni una classe medio-borghese illuminata, che con Vincenzo Navarro - 1800/1867 - trova l'animatore più qualificato essendo ad un tempo medico, letterato, poeta e patriota.

Sito web del Comune di Sambuca di Sicilia
Mappa Comune di Sambuca di Sicilia (lat e long)
Mappa Comune di Sambuca di Sicilia

Coordinate di Sambuca di Sicilia
Latitudine: 37.65
Longitudine: 13.1166667

C.A.P.: 92017
Prefisso: 0925
Codice F.: H743
Codice Catastale: U2BI


Residenti (T) : 6.159
Residenti (M) : 3.042
Residenti (F) : 3.117
Densita per Km2: 64,2
Superfice Km2: 96.234375

 

Agrigento

 

Agrigento

Agrigento   Agrigento
 
Agrigento Provincia

...terra di mare...terra d'amare...


Comuni della Provincia di Agrigento

 

Agrigento

 

Lampedusa

Agrigento   Agrigento
 
Agrigento




 

Agrigento

 

Agrigento


Guida di Agrigento

 

Guida di Agrigento - Copyright © 2000 - Tutti i diritti riservati. Aggiornato il: